15 dicembre 2016-14 gennaio 2017: mostra "Maria Luigia, la musica e le lettere. Gli interessi personali di Maria Luigia attraverso i fondi della Biblioteca Palatina"

Biblioteca Palatina

Giovedì, 15 dicembre 2016 - Mostra

Palatina

Giovedì 15 dicembre, alle ore 16.30, Biblioteca Palatina – Galleria Petitot
Inaugurazione mostra

 

Maria Luigia, la musica e le lettere.
Gli interessi personali di Maria Luigia attraverso i fondi
della Biblioteca Palatina

A cura di Paola Cirani, Grazia Maria De Rubeis, Raffaella Nardella

Allestimento a cura di Ilaria Azzoni Erminda Del Monaco

Con la mostra “Maria Luigia, la musica e le lettere. Gli interessi personali di Maria Luigia attraverso i fondi della Biblioteca Palatina” si chiude la rassegna di eventi Maria Luigia 16 che ha scandito il 2016, duecentesimo anniversario dell’arrivo a Parma di Maria Luigia, Duchessa di Parma, Piacenza e Guastalla.
Dopo la prima esposizione allestita nel mese di maggio, “I libri e le Sale. L’impegno di Maria Luigia a favore della Biblioteca Parmense”, a testimoniarne il ruolo nell’accrescimento del patrimonio e nell’ampliamento delle sale dell’istituto, la mostra a dicembre illustra le passioni della duchessa, attraverso il suo archivio musicale e la biblioteca personale.
La biblioteca di Maria Luigia è composta, oltre che da opere in più lingue di letteratura contemporanea, botanica e viaggi, da un corposo archivio di musica, frutto della passione che la duchessa coltivò assiduamente per tutta la vita.
Ereditata dall’arciduca Leopoldo d’Asburgo, la raccolta musicale, grazie all'interessamento del bibliotecario Angelo Pezzana, nel 1850 fu donata alla Biblioteca Parmense e, nel 1889, confluì nella Sezione Musicale istituita in quell’anno presso il Regio Conservatorio.
La biblioteca letteraria, invece, andò dispersa tra gli eredi e, agli inizi degli anni Trenta del Novecento, venne irrimediabilmente smembrata. Un lotto di 145 opere e di 184 lettere fu messo in vendita all’asta londinese di Christie’s nel 1985 e appartiene ora alla Biblioteca Palatina, grazie alla generosità di Pietro Barilla che con la sua famiglia volle restituirlo alla sua sede più congeniale. Esso comprende opere connesse alla figura di Napoleone, letteratura di viaggio e raccolte iconografiche, in gran parte arricchite da legature di pregio che presentano il monogramma della sovrana impresso in oro.

La mostra resterà aperta dal 15 dicembre 2016 al 14 gennaio 2017 con i seguenti orari: 
da lunedì a venerdì: 9-18
sabato: 9-13

Dal 19 dicembre al 7 gennaio: lunedì, mercoledì, venerdì e sabato: 9-13
martedì e giovedì: 9-18