Archivio musicale dei duchi di Borbone

La battaglia di Austerlitz. Grande sonata per banda militare ridotta per pianoforte da Alessandro Azereto - F. Borb. 1954

(Consultabile solo su appuntamento)

Preziosa fonte di interesse sia storico che bibliografico-musicale, l'archivio, che faceva parte della biblioteca privata dei duchi di Borbone, documenta l'attività della corte e gli interessi musicali dei sovrani dei due rami della dinastia, Borbone-Parma e Borbone-Lucca.

Fu acquisito dalla Biblioteca pubblica Parmense (poi Biblioteca Palatina) nel 1865, a seguito dell'annessione del ducato parmense al regno di Sardegna e quindi, nel 1889, trasferito nella Sezione Musicale della Palatina istituita in quell'anno nel palazzo del Conservatorio di musica "A. Boito".
L'archivio è costituito in prevalenza da manoscritti - con in primis un autografo di Luigi Boccherini -  e da musica a stampa e offre un ampio panorama dell'editoria musicale della seconda metà del XVIII e del XIX secolo.

Le fonti documentarie conservate nell'archivio testimoniano i diversi generi musicali coltivati nell'arco di un secolo dai diversi regnanti della dinastia borbonica che furono prima duchi di Parma, Piacenza e Guastalla dal 1749 al 1801, poi re d'Etruria dal 1801 al 1807 e duchi di Lucca dal 1817 al 1847 e, infine, di nuovo duchi di Parma e Piacenza dal 1847 al 1859.
Le partiture appartenute alla duchessa Maria Luisa di Borbone-Lucca, che nutrì una profonda passione per la musica e fu anche compositrice dilettante, sono riconoscibili dal monogramma MLB impresso in oro sul dorso o sui piatti di molte legature.

Il cospicuo corpus musicale comprende circa 5.000 opere, fra cui sono da segnalare numerose partiture di opere teatrali, che costituiscono le principali fonti manoscritte per lo studio di alcuni autori fra i più significativi del XVIII e del XIX secolo (Paisiello, Cimarosa, Rossini, Paër) e diverse edizioni rare e di pregio.

Fondo consultabile solo su appuntamento